mercoledì 16 marzo 2016

Recensione: Il libro più magico del mondo - L'impero di Tarot di Valeria Menozzi

Genere narrativa per ragazzi
Editore Brigantia Editrice
Formato 14x21
Lingua Italiano
Collana Sleipnir
Pagine 152
Data di pubblicazione 2014
ISBN 9788898336111
«E se io avessi il libro di favole più magico del mondo?» Insinuò misteriosa nonna Lucia. I fratelli la guardarono increduli, la donna gettò una manciata di bucce di mandarino nel fuoco e porse a Viola le sue vecchie e inseparabili carte: «Mescola!» ordinò. 
«Queste?» Viola era incredula «Ma non c’è scritto nulla, ci sono solo figure brutte e incomprensibili!» «Qui» sussurrò la nonna, accarezzando il mazzo come fosse di velluto «c’è una favola molto antica, narrata dalla notte dei tempi, ma di cui nessuno ha scritto la trama, perché si scrive da sé, e ogni volta… cambia! Qui ci sono principesse, maghi e arcane creature che vivono imprese straordinarie! Mescola Viola, mostraci le immagini. Così bambina mia, cominciamo: c’era una volta…»

Tutto ha inizio in una notte di Samhain: due fratellini ammalati si trovano a casa della nonna che, per distrarli, lancia i suoi Tarocchi e la storia prende vita davanti ai loro occhi: una ribelle principessa adolescente deve salvare il suo regno dalla guerra e trovare il suo scopo nella vita. Dovrà fare i conti con un giullare pasticcione, una zia maga severa e misteriosa, genitori assenti, zingari affascinanti e mostruose creature, buone e cattive.
Valeria Menozzi nasce a Modena nel 1974. Laureata in Storia Orientale, e antiquaria nella bottega di famiglia, fin da bambina si interessa di religioni, mitologie, testi sacri e fiabe popolari. Al liceo incontra i Tarocchi, che studia e utilizza come strumento di introspezione psicologica e conoscenza del Sé, piuttosto che come mezzo divinatorio. Oggi vive in Sardegna insieme ai suoi due bimbi. “L’Impero di Tarot” è il suo primo libro.

Cari lettori,
eccomi con una nuova recensione. Oggi vi parlo di Il libro più magico del mondo - L'impero di Tarot di Valeria Menozzi.
Un libro che si ripropone come una favola, ma tanto favola non è. Certo, ha tutti gli elementi giusti affinché i giovanissimi lettori apprendano eroismo, sacrificio, riscatto. Tuttavia attraverso i simboli, questi possono carpire molto di più.
Il libro inizia con una scena in cui i protagonisti sono nonna e due nipoti. La prima, con l'intendo di allietare i piccoli durante la notte di Halloween, narra loro la vicenda di un mondo magico. Non è certo aprendo un libro che la storia inizia, ma aprendo una scatola in cui sono custoditi i magici tarocchi. Sì, perché in questo libro non si celebra solo una bella storia, ma anche la bellezza e la simbologia legata agli Arcani.
Mi ritengo fiera di aver personalmente realizzato le illustrazioni che accompagnano il romanzo e hanno dato vita al mazzo di Tarot e ringrazio la casa editrice per avermi scelto. Questa recensione doveva essere scritta molto prima, ma impegni vari mi hanno impedito di gustarla appieno. Ho recuperato in una sola notte e posso dirvi che ho amato il mondo costruito da Valeria.
Addentrati nel vivo della storia, incontriamo la giovane Astrea, principessa e futura imperatrice di Tarot, figlia delle Stelle e portatrice di magia. Personalmente l'ho immaginata come una sorta di Merida che lotta per conquistare se stessa e la verità.
La sua chioma rossa ci resterà subito impressa, anche se inizialmente  storcerete un po' il naso per il suo atteggiamento disinteressato. Ma si sa, gli adolescenti sono fatti così. Ho apprezzato infatti l'evoluzione che Astrea compie durante la storia. Da principessa annoiata, combatte e vittoriosa prende il posto che le spetta.
Non è il solo personaggio che amerete. Ciascuno ha una caratterizzazione ben delineata e ci fa conoscere il suo ruolo al'interno del regno. Da Jodo, allo zingaro Samir, da Hygeia a Zagan.
L'autrice non si limita a scrivere una storia, ma delinea un mondo dentro il mondo, cominciando dalla mitologia legata a Tarot. Ho adorato la storia della creazione e l'incanto che aleggia tra le pagine.
Intrecci, inganni, promesse, eroismo, costruiscono una trama ben salda che non lascia calare l'attenzione.
Un libro questo che ha tutti gli elementi per essere un buon fantasy e che, ha conquistato già molti lettori. Un romanzo che parla al cuore e lo risveglia.
Vi consiglio di leggerlo e perché no, di sfogliare gli Arcani e scoprirne la magia.
Da anima di'inchiostro guadagna quattro bei calamai pieni.
Un bacio d'inchiostro.