lunedì 11 gennaio 2016

Anteprima: Primo non nuocere - Henry Marsh


«Dolorosamente sincero... un risultato superbo.»
Ian McEwan

Henry Marsh
Primo non nuocere
Storie di vita, morte e neurochirurgia

Ponte alle Grazie

AUTORE IN ITALIA
a Roma
25 e 26 gennaio 2016

«Scavi nel vecchio neurochirurgo e trovi un giovane medico
di corsia, scavi nel medico di corsia e trovi un ragazzo
confuso. Quando sei dentro il ragazzo, nel buio pesto della
sua fibra umana, eccoti abbagliato dalla luce di questo libro».
Mauro Covacich

«Non so se Henry Marsh abbia mai letto Il sistema periodico
di Primo Levi ma nella mia biblioteca è quello che più
assomiglia a questo Primo non nuocere: lì la chimica,
qui la neurochirurgia, come racconto della vita
di un uomo, del suo tempo e del suo stare al mondo».
Paolo Cognetti

«Quando un libro inizia con ‘Spesso sono costretto a
tagliare il cervello ed è una cosa che detesto fare’… non
puoi metterlo via, devi continuare a leggere, no?»
Karl Ove Knausgård

Qui il reportage di Knausgård su Marsh pubblicato qualche giorno fa dal NYTimes Magazine:
http://www.nytimes.com/2016/01/03/magazine/karl-ove-knausgaard-on-the-terrible-beauty-of-brain-surgery.html?_r=0
pp. 330 – euro 16,80
In libreria a fine gennaio
Cosa significa essere un neurochirurgo? Come ci si sente ad avere in mano le sorti di una persona, mentre ci si apre un varco tra la materia grigia che ne genera i pensieri, i sentimenti e le emozioni? E, se qualcosa va storto, come si convive con le conseguenze? È ciò che scopriremo attraverso le pagine di questo libro, la confessione sincera e intensa di un famoso neurochirurgo inglese che, alla luce dell’esperienza quarantennale, rievoca le vittorie nelle battaglie combattute al fianco dei pazienti, ma anche le inevitabili sconfitte, gli errori e i fallimenti. Primo non nuocere è la narrazione di una professione eroica, chiamata a confrontarsi ogni giorno con i momenti di maggiore fragilità dell’essere umano – la scoperta della malattia, la speranza di una cura –, a prendere decisioni cruciali che, in un modo o nell’altro, cambieranno il destino dei pazienti, ma anche del medico stesso che porterà sempre con sé le storie di gioia o di dolore delle persone che hanno confidato all’abilità delle sue mani e alla generosità del suo cuore le loro vite in pericolo.
Henry Marsh è un neurochirurgo inglese. Prima di iscriversi a Medicina, ha studiato filosofia, politica ed economia. Pensava che la medicina fosse una cosa noiosa fino a che non ha visto un neurochirurgo operare al microscopio per riparare un aneurisma: in quel momento ha avuto inizio la sua lunga carriera, che viene adesso ripercorsa in Primo non nuocere, un grande successo di critica e di vendite negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, in corso di traduzione in oltre quindici paesi. 

Marsh è stato anche al centro di un documentario, The English Surgeon (vincitore di numerosi premi, tra cui l’Emmy Award), che ha raccontato la sua attività di volontario in Ucraina. Il suo hobby, per ora, sono le api. E la bicicletta.