giovedì 13 novembre 2014

Anteprima: L’erede di Tahira di Linda Bertasi

Lettori miei, 
sono lieta di segnalarvi questo libro. Linda Bertasi torna con un altro romanzo, che toccherà i vostri cuori. La magia è di nuovo protagonista! Vi invito a seguire questa autrice e le sue precedenti pubblicazioni, saprà conquistarvi.
Buona lettura.
L’erede di Tahira 
di Linda Bertasi
TITOLO: L’erededi Tahira
AUTORE: Linda Bertasi
EDITORE: Butterfly Edizioni
PAGINE: 278
GENERE: paranormal - fantasy
ISBN: 978-88-97810-44-5
FORMATO: cartaceo
PREZZO: 14 euro
Viserbella, Emilia Romagna, 21 settembre 1561. Una donna sta per essere condotta sul rogo con l'accusa di stregoneria. Sua figlia conserverà per sempre il ricordo di quel giorno terribile e un'importante eredità: un misterioso ciondolo a forma di stella con sette punte. Molti anni dopo, 21 settembre 2013. Arianna non ricorda più nulla del suo passato, non sa più chi è né dove affondino le sue radici. Giorno dopo giorno, Arianna capirà che dietro la sua amnesia si nasconde un passato di magia e poteri e che il segreto della sua esistenza è celato in un misterioso libro che nessuno può aprire al di fuori di lei, l'erede. 
Linda Bertasi intesse una storia in cui la magia trasuda da ogni parola e le pagine diventano incantesimi da cui lasciarsi prendere e conquistare. La storia di Arianna e della sua famiglia non è solo il racconto di una lotta tra il Bene e il Male bensì la poesia di una realtà in cui il giusto e lo sbagliato si confondono, si perdono in infinite sfumature di colore dall'impatto onirico con uno sconvolgente, imprevedibile finale.

PROLOGO

Viserbella (Emilia-Romagna), 21 settembre 1561

La guardo posare la penna d’oca sullo scrittoio consunto, unico arredo di questa stanza fatta eccezione per il gibboso materasso posto nell’angolo alla mia sinistra. Si respira un‘aria stantia qui dentro, l’umidità la fa da padrone ma lei sembra non percepirla, avvolta nel suo abito scuro.
Mi piace il taglio della sopravveste, attillata sul busto e svasata in vita, la scollatura quadrata, decorata dalla ricca passamaneria, e il ciondolo a forma di stella che sosta sulla stoffa. È così bella con i lunghi boccoli del colore del grano che le ricadono sulla schiena, la pelle diafana e il sorriso che ancora non la abbandona. Neppure questa sera, neppure quando mancano poche ore alla fine.
La minuscola finestra, di fronte a me, rivela il cielo stellato intrappolato tra le grate e, là fuori, la pira funeraria già ultimata, una catasta di legna pronta per essere data alle fiamme assieme alla condannata. Chiudo gli occhi, ignorando la consapevolezza di ciò che la aspetta. Lei: l’eretica, la strega!
La guardo e invidio il suo autocontrollo, la sua lucidità. Eccola lì, intenta a infilare il suo scritto tra le pagine di quel mastodontico diario che porta sempre con sé. Non so cosa contiene, ma per lei è un fedele compagno e lo sarà anche per me.
Mi si avvicina, consegnandomi il diario. La copertina scura è morbida, priva d’iscrizione, conterrà almeno cento pagine se non il doppio. Ci guardiamo, occhi negli occhi, non una parola esce dalla sua bocca. Non intendiamo spezzare il silenzio.
Poi, l’uscio alle mie spalle si apre e la guardia sbircia all’interno: le gambe sono infilate in stivali sudici, la tunica puzza di vino, la spada riposa nel fodero. Ci ricorda, senza troppi preamboli, che l’ora è tarda e la visita si deve concludere.
Lo guardo dileguarsi oltre il battente e ricaccio l’immagine di ciò che la aspetta: le fiamme che lambiranno il suo corpo mi provocano una vertigine, mi sento mancare e lei mi sorregge. Mi posa una mano sul capo e il contatto mi riporta alla mente le sue ninnenanne prima di addormentarmi, la sua voce d’usignolo, il calore del suo tocco, il tocco di mamma.
Lei scuote il capo come a ricacciarmi le lacrime in gola e mi sfiora la fronte con un bacio. Non resisto un istante di più, la stringo a me inspirando il suo profumo, immortalandolo nella memoria. «Vi voglio bene» le sussurro all’orecchio.
Lei annuisce, sciogliendosi dal mio abbraccio. China il collo verso lo sterno togliendosi la collana cui è appeso il ciondolo incolore. Mi aiuta a indossarla e resta a osservare la stella a sette punte immobile tra i miei seni. «Custodiscila» mormora «È la tua eredità.»
Non rispondo. Detesto questa pietra fredda, mi fa accapponare la pelle. Così come aborrisco questo maledetto diario e tutte le menzogne che l’hanno condotta qui dentro. Le accuse infondate, l’ignoranza della mia gente e l’orrore di cui si sta macchiando.
Mi avvicino all’uscio, reticente, le lacrime bussano ed io non le trattengo. La mano è già sul pomello liso da impronte di prigioniere innocenti che si sono avvicendate in questa stessa cella per anni, forse secoli, prima di lei. E poi la sua voce colora l’aria. «Per quanto sbiadito agli occhi, c’è sempre un disegno, Maria.»
Mi chiudo la porta alle spalle. Non voglio ascoltarla, non voglio piangere, non voglio che muoia con i miei singhiozzi nelle orecchie. Vorrei essere forte e combattiva come lei mi ha insegnato, ma non so se ne avrò la forza. Non domani, quando dovrò starle di fronte a guardarla bruciare tra il giubilo della folla.
Corro verso l’uscita dell’edificio, ignoro le guardie e non mi volto più indietro. Mi lascio la prigione alle spalle, corro e piango. Il ciondolo stretto nel pugno mi graffia il palmo. Il diario, schiacciato contro il mio petto, segue il ritmo oscillante del mio incedere. 
Li odio. Odio il mio Paese, odio il mio nome, odio questa eredità.