venerdì 31 ottobre 2014

Recensione: La carezza leggera delle primule di Patrizia Emilitri

La carezza leggera delle primule 
di Patrizia Emilitri

Editore Sperling & Kupfer
Collana Pandora
Formato Rilegato
Pubblicato 07/10/2014
Pagine 255
Lingua Italiano
ISBN-13 9788820056780


L'aria è gelida, a ricordare che l'inverno non è ancora finito. Un cielo plumbeo incornicia i pensieri di Claudia. Il sole sarebbe stato fuori luogo, nel giorno del funerale di sua madre. Lacrime, formalità, pratiche da sbrigare: il triste copione va in scena. Ma qualcosa di insolito accade quel pomeriggio stesso, quando Claudia riceve una strana busta accompagnata dalla lettera di una sconosciuta. La donna le affida un manoscritto inedito, una storia straordinaria di cui la ragazza, aspirante scrittrice, potrà servirsi per arrivare al successo. Clorinda è ricoverata in una casa di riposo. Ormai la sua vita è quasi tutta alle spalle, così almeno credono gli altri. Ma lei nasconde un segreto che è arrivato il momento di svelare. Una vicenda che ha radici molto lontane, nel giorno in cui Clorinda ha sfidato il proprio destino, scampando alla morte. Per farlo, si è servita di un vecchio quaderno di ricette appartenuto a una donna accusata di stregoneria, e ha attirato su di sé una terribile condanna. Ora, dopo tutti quegli anni, ha finalmente trovato la persona cui consegnare la propria storia. Qualcuno che condivide con lei molto più di quanto possa immaginare. Qualcuno che, come è stato per lei in passato, dovrà fare una scelta pericolosa. Una storia al confine tra realtà e sortilegio, un romanzo che racconta di donne al bivio tra ciò che è giusto e ciò che vogliono davvero.


Patrizia Emilitri Ruspa è nata a Tradate, lavora e vive a Vedano Olona con il marito, due figli e due cani. Appassionata lettrice, ha scelto la scrittura per creare nuovi mondi e personaggi che le piacerebbe conoscere.
Cari lettori,
quando mi capita un bel libro tra le mani, non posso aspettare nemmeno un'ora dopo averlo finirlo; devo subito trasmettervi le mie impressioni. Le emozioni non vanno ragionate, studiate, così come certe parole. Posso da subito esprimere giudizi positivi su questo libro.
Innanzitutto, ringrazio la Sperling & Kupfer per avermi offerto la possibilità di leggerlo e aggiungere un'altra perla alla mia collezione di gemme preziose.
Sì, per me i libri sono gemme e questo libro lo è.
Per certi versi mi ha ricordato Cime Tempestose, Jane Eyre e alcuni altri classici che ho letteralmente divorato e di cui ancora sento il sapore sul palato e, sul cuore.
Questo romanzo scivola nell'anima come un balsamo. É un libro crudo per certi versi, non a livello stilistico, certo. I sentimenti qui sono duri come pietre e, morbidi come corsi d'acqua. É un libro di magia, amori, tormenti. Un libro che incanta col suo mistero e strazia con le sue passioni.
Mi sono commossa in più passaggi, lo ammetto.
Non voglio svelarvi nulla sulla trama, lascio che siate voi a scoprire il fascino della storia, che sin da subito vi prenderà, com'è successo nel mio caso.
Mi piace lo stile dell'autrice e il rispetto che attribuisce alla parola, le restituisce bellezza a ogni periodo. E libri così, oggi, si perdono tra scaffali dimenticati. Invece dovrebbero brillare.
Confesso di aver capito tutto già prima della metà, ma solo perché ho un ottimo intuito, non perché non sia stata brava l'autrice. Anzi, devo dire che ha saputo legare sapientemente la trama e dispiegarla con tale armonia e naturalezza, da dare l'impressione di essere nella storia. Nelle storie, anzi. Viviamo più storie, qui.
Ho amato il personaggio controverso di Clorinda: una donna forte, che ha scontato una pena che non era la sua. Una donna in cerca della più alta forma di indipendenza e ricchezza: la conoscenza e la libertà.
Ben delineati tutti i personaggi e ho adorato con lei, Nicola, gentile e premuroso come solo gli eroi di certi romanzi sanno essere.
Belle e accurate le descrizioni. A volte mi sembrava di avere le mani screpolate dal freddo, tanto fitta era la visione che le parole di Patrizia, hanno dipinto.
Ve lo consiglio e non posso non attribuire cinque calamai.






giovedì 30 ottobre 2014

Uscite di oggi :)

"Biglietto, signorina" di Andrea Vitali 
30 OTTOBRE
«Che devo dirvi? Ho finito le parole per raccontare quanto è bravo Andrea Vitali.» Antonio D’Orrico, «Magazine – Corriere della Sera» 

Una bella forestiera squattrinata,
pericolo numero uno
per la carriera politica
del candidato sindaco
Alla stazione ferroviaria di Varenna, a pochi chilometri da Bellano, c’è trambusto. Il capotreno Ermete Licuti è sceso dal convoglio scortando una passeggera pizzicata senza biglietto. E senza un quattrino per pagare la multa. Fa intendere che arriva da Milano, che vuole andare a Bellano, ma non parla bene l’italiano, e capire cosa vuole è un bel busillis. Ligio alle norme, il capotreno non sente ragioni e consegna la ragazza al capostazione, Amilcare Mezzanotti, che protesta vivace. Il regolamento però è chiaro, la faccenda tocca a lui sbrogliarla. E così adesso il povero capostazione si trova lì, nel suo ufficetto, con davanti Marta Bisovich. Bella, scura di carnagione, capelli corvini, dentatura perfetta, origini forse triestine, esotica e selvatica da togliere il fiato. Siamo nel giugno del 1949, e sul lago di Como, in quel di Bellano, tira un’aria effervescente di novità. Ci sono in ballo le elezioni del nuovo sindaco, e le varie fazioni si stanno organizzando per la sfida nelle urne. Su tutte, la Dc, fresca dei clamorosi successi alle politiche del ’48, attraversata ora da lotte intestine orchestrate dall’attuale vicesindaco Amedeo Torelli, che aspira alla massima carica ed è disposto a giocare tutte le sue carte, lecite e anche no. La bella e conturbante Marta, invece, ha altre aspirazioni. Le basterebbe intanto trovare un posto dove poter ricominciare a vivere, e questo è il motivo per cui ha deciso di puntare le sue ultime chance sulla ruota di Bellano, dove certe conoscenze non sono nelle condizioni di negarle l’aiuto di cui ha bisogno. Biglietto, signorina – storia apparsa in una prima versione nel 2001 con il titolo L’aria del lago nell’omonima raccolta, e qui interamente reinventata, riscritta e ampliata – ci porta nel bel mezzo dell’Italia della ricostruzione, alle prese con la ritrovata libertà. In un paese che fatica a risollevarsi dalle macerie della guerra, ognuno tenta la sorte per imbastire il proprio futuro.

Un estratto: QUI.

Pagine 400
Euro 16,40

"Tutti i difetti che amo di te" di Anna Premoli 

30 OTTOBRE
Ethan è ricco e scapestrato.
Sara è un giovane avvocato senza grilli per la testa.
Incompatibili, inconciliabili, agli opposti.
Ma anche il sole e la luna a volte si incontrano...
Dopo centinaia di migliaia di copie vendute con i suoi primi romanzi, torna Anna Premoli, il caso editoriale degli ultimi anni, con un romanzo divertente, romantico e ricco di colpi di scena. Mettere i bastoni tra le ruote alla propria famiglia è una vera arte per Ethan Phelps, perfezionata con cura nel corso degli anni. Quando suo padre muore, senza lasciare alcun testamento, il ragazzo eredita le quote della sua multinazionale. Ma è evidente a tutti che Ethan non ha il pallino per gli affari.
Passa le serate tra bar e locali offrendo da bere a chiunque e pagando conti salatissimi, riarreda il suo lussuoso loft senza badare a spese e spreca il tempo in compagnia di individui inutili. Quando però, un bel giorno, fa irruzione completamente ubriaco in una riunione di azionisti, i familiari si convincono che è il momento di prendere drastici provvedimenti, primo fra tutti, nominare un amministratore che tuteli il suo patrimonio. Dopo diversi tentativi falliti viene nominata un’affascinante avvocato specializzato in brevetti aziendali, Sara Di Giovanni. Sara ha il grande vantaggio di essere determinata e di non lasciarsi imbambolare dai modi di Ethan. Tra loro è da subito scontro aperto: lui non vuole ridimensionare il suo stile di vita e lei non ha nessuna intenzione di farsi mettere i piedi in testa da un presuntuoso rampollo. E così, poco alla volta, la tensione arriva alle stelle. Anche se il loro rapporto, a suon di dispetti, è destinato a evolversi in qualcosa di ben più complicato ed eccitante…

«Anna Premoli è capace di tuffare il genere del rosa nazionale in suggestioni internazionali e ben piantate nello spirito del nostro tempo.»
la Repubblica

«Anna Premoli è uno spot vivente del self-publishing: dal web al Premio Bancarella con il suo romanzo d’esordio.»
Vanity Fair

«Il primo vero caso italiano di self-publishing fortunato.»
La Stampa


Pagine 288
Euro 9,90

"Non sono un assassino" di Francesco Caringella 

30 OTTOBRE
Intenso come Faletti
Geniale come Jo Nesbø

Un grande thriller

Un delitto senza movente
Un poliziotto accusato di omicidio
Un incubo da cui sembra impossibile svegliarsi
È un freddo e piovoso mattino d’autunno, quando una scena raccapricciante sorprende la domestica del Sostituto procuratore Giovanni Mastropaolo: l’uomo giace nello studio della sua villetta, la fronte bucata da un proiettile. Non ci sono segni di effrazione e gli inquirenti rimangono sconcertati: l’omicidio non ha le caratteristiche tipiche di quelli compiuti della malavita organizzata, ipotesi che sembrava la più probabile, dato che la vittima era nota per le sue indagini contro la nuova camorra pugliese. E così, anziché rivolgersi verso l’ambiente criminale, i sospetti si concentrano su Francesco Prencipe, vicequestore, legato a Mastropaolo da antichi rapporti di amicizia e di collaborazione professionale. Dopo un drammatico interrogatorio, il funzionario viene accusato del crimine e arrestato. A questo punto l’unico modo che Prencipe ha per non finire i suoi anni in galera è quello di imbarcarsi in un’ardua battaglia giudiziaria per dimostrare la propria innocenza. Ma nel processo che lo attende verità e menzogna troppo spesso si intrecciano, separate da un sottilissimo filo… Un omicidio senza movente, un’indagine mozzafiato e un finale inaspettato per un esordio sorprendente e unico, che vi terrà incollati fino all’ultima pagina. 


Una nuova dirompente voce del giallo italiano
Una storia ad alta tensione che cattura il lettore fino all'ultima pagina

«Signori della Corte, io dimostrerò la colpevolezza dell’imputato. Dimostrerò, oltre ogni ragionevole dubbio, che il vicequestore Francesco Prencipe ha barbaramente ucciso, con un unico, vigliacco colpo d’arma da fuoco il suo miglior amico.»

Pagine 288
Euro 9,90

"Il mistero del rubino birmano" di Enrico Vanzina 

30 OTTOBRE
«Un vero scrittore.»
Antonio D'Orrico

Un intrigo internazionale alla periferia di Roma.
Una nuova indagine del detective Max Mariani.


A Roma il momento in cui la notte lascia posto alla luce abbagliante del giorno è un momento magico e carico di aspettative. Ed è proprio all’alba di un giorno qualunque che Max Mariani, sciagurato detective con una passione per la vodka e le ragazze a pagamento, si è appena abbandonato al sonno ristoratore quando riceve una telefonata da una donna misteriosa.
Chi è la sconosciuta che lo chiama in preda al panico, dicendo di aver sparato a un uomo e implorandolo di tirarla fuori dai guai? Max, come al solito, non sa resistere a una voce femminile che chiede aiuto, anche se stavolta si sta per infilare in un pasticcio degno di un thriller di Hitchcock. La bionda dall’altra parte del telefono, infatti, è nientemeno che una contessina russa con una forte dipendenza dalla polvere bianca, un datore di lavoro pericoloso e al dito un gioiello che scotta. Al fianco dell’eterno amico-nemico Giuliani – ruvido poliziotto –, Mariani si ritroverà, suo malgrado, in un intrigo internazionale che lo porterà dalle periferie di Roma, popolate da spietati gangster colombiani e pusher ivoriani, fino alle strade piene di insidie di Sofia, in Bulgaria. Non male, per un ex avvocato dei Parioli senza un soldo in tasca. Solo che in questo complicato puzzle, il detective rischia davvero di rimetterci molto più della reputazione e del conto in banca…

Dopo il successo di Il gigante sfregiato torna Enrico Vanzina con una nuova avventura del suo eccentrico detective

Hanno scritto di Enrico Vanzina:

«Questo è un gran bel romanzo scritto da un vero scrittore con un tocco neochandleriano di freschissima malinconia.»
Antonio D’Orrico, Sette-Corriere della Sera

«Una cosa è certa, Il gigante sfregiato fa venire voglia di vedere di nuovo in scena il simpatico Max Mariani…»
Luca Crovi, Il Giornale

«Vanzina ha costruito un plot vertiginoso in cui nulla è come appare, nemmeno il cinismo dei protagonisti.»
Brunella Schisa, il Venerdì di Repubblica

«Omicidi romani in salsa multietnica. Un esordio che non delude.»
Alessandro Rota, La Repubblica

«Una storia a tinte forti che si colora di commedia.»
Gloria Satta, Il Messaggero

«Un thriller che corre come una palla da biliardo.»
Libero

Pagine 192
Euro 12,00

"The familiars - Il palazzo dei sogni" di Adam Jay Epstein & Andrew Jacobson 

30 OTTOBRE
Attenzione: contiene magia

Finalmente nel regno di Vastia è tornata la pace.

I famigli Aldwyn, Skylar e Gilbert hanno sconfitto la malvagia lepre Paksahara e il consiglio, per celebrare la vittoria, sta organizzando una festa di compleanno per la regina Loranella. La regina cade però vittima di una terribile maledizione: i famigli si ritrovano improvvisamente al centro dei sospetti di tutti e finiscono nelle segrete del palazzo. Ma niente può fermare il gatto, la ghiandaia e la raganella: riescono a fuggire e si imbarcano in una missione disperata per dimostrare la loro innocenza e scoprire una cura per la regina. Nel lungo viaggio che li porterà addirittura fuori dai confini di Vastia, i famigli rincontreranno vecchi amici e nemici, ma nulla può prepararli davvero agli enigmi e ai pericoli che si troveranno ad affrontare nel magico Mondo dei Sogni…

Gli eroi di Vastia sono tornati!
Le magiche avventure della rana pasticciona, della ghiandaia e del gatto randagio

Un romanzo scritto con la bacchetta magica
45.000 copie solo in Italia


«Trionfano l’amicizia e la lealtà, valori che contano quanto e più della magia.»
Corriere della Sera

«Dopo aver letto questa avventura non vedrete l’ora che ne facciano un film.»
Donna Moderna

Pagine 256
Euro 9,90

The Familiars: 
1- The Familiars - La strana storia della rana pasticciona, della ghiandaia blu e del gatto che salvò il mondo dei maghi

2- The Familiars - Il segreto della corona
3- The Familiars - Il cerchio degli eroi
4- The Familiars - Il palazzo dei sogni

"Sette sfumature di eros" - Raccolta 

30 OTTOBRE
• Gervaise de Latouche, Il portinaio dei certosini
• Sade, Le 120 giornate di Sodoma
• Anonimo, Memorie di una cantante tedesca
• Sacher-Masoch, Venere in pelliccia
• da «La Perla»: Sub Umbra e La rose d’amour
• Oscar Wilde, Teleny
Edizioni integrali
A cura di Riccardo Reim

Il presente volume è il logico e necessario complemento a I magnifici 7 capolavori della letteratura erotica, così favorevolmente accolto dai lettori. In questa seconda silloge sono comprese opere altrettanto importanti e leggendarie di quel filone sotterraneo ed eversivo della cultura che tanta importanza ha avuto nella storia del pensiero e del costume in nome di una coraggiosa e salutare provocazione. Da due capolavori indiscussi – e curiosamente opposti tra loro - del XVIII secolo, come Il portinaio dei certosini di Gervaise de Latouche, libro favorito di Madame de Pompadour («la più folle e sfacciata satira dei costumi ecclesiastici») e Le 120 giornate di Sodoma (l’opera forse più “terribile” e “maledetta” di Sade), si passa al “segretissimo” Memorie di una cantante tedesca (reso famoso da Apollinaire), e al celeberrimoVenere in pelliccia di Leopold von Sacher-Masoch (che recentemente ha ispirato il film di Roman Polanski), per giungere ai grandi testi scandalosi dell’Inghilterra vittoriana, vale a dire i romanzi ospitati a puntate su «The Pearl» (probabilmente la rivista clandestina più famosa fra tutte quelle mai stampate). Dulcis in fundo, il temerario, “immoralissimo” Teleny, cui pose mano anche Oscar Wilde e che contribuì non poco alla caduta in disgrazia del grande scrittore.

Pagine 960
Euro 12,90

"Obbiettivo pericoloso" di Pamela Clare 

EBOOK 16 OTTOBRE - CARTACEO 30 OTTOBRE
Dopo Rischio letale, tornano Reece Sheridan, Kara McMillan e il team investigativo del Denver Independent.
La giornalista investigativa Tessa Novak non poteva immaginare di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. È sera, e una ragazza la supplica di aiutarla, ma lei non fa neanche in tempo a rendersi conto di quanto sta accadendo che un sicario in giacca di pelle nera fredda la giovane davanti ai suoi occhi. Tra la folla che si aggira intorno alla scena del crimine Tessa scorge un uomo con la stessa giacca che indossava il killer e, ancora sconvolta dall’accaduto, è convinta di riconoscere in lui l’assassino. L’uomo in realtà è Julian Darcangelo, agente dell’FBI sotto copertura che collabora con la polizia di Denver sulle tracce di un mafioso russo di nome Burien, e le attenzioni della giornalista rischiano di far saltare la sua copertura.
Ma nel momento in cui Tessa punta Julian, diventa anche lei un obiettivo: quello dell’assassino.
Dovranno guardarsi le spalle a vicenda, e imparare a fidarsi l’uno dell’altra, per non soccombere alla minaccia di un killer che li vuole entrambi morti.

Pagine 416
Euro 16,40

Serie "I-Team":
1- Rischio letale
1.5- Heaven Can't Wait
2- Obbiettivo pericoloso
3- Unlawful Contact (Inedito in Italia)
4- Naked Edge (Inedito in Italia)
5- Breaking Point (Inedito in Italia)
5.5- Skin Deep (Inedito in Italia)
5.9- First Strike (Inedito in Italia)
6- Striking Distance (Inedito in Italia)

"Stai qui con me" di J. Lynn 

30 OTTOBRE
La danza era tutta la sua vita. Ma quando un infortunio al ginocchio ha messo fine alle sue ambizioni, Teresa Hamilton ha dovuto reinventarsi un futuro e adesso è una studentessa universitaria come tante altre. Almeno così può stare vicino a suo fratello Cameron e a Jase, il migliore amico di Cam e… il suo sogno proibito. Peccato che lui la veda ancora come una bambina. Se solo Teresa riuscisse a fargli cambiare idea… Jase Winstead non ha tempo per una relazione. Schiacciato dal peso di un segreto che custodisce ormai da troppi anni, non può permettersi di trascinare una ragazza nel vortice tumultuoso della sua esistenza. Soprattutto se la ragazza in questione è la sorella di Cam, da sempre iperprotettivo nei confronti di Teresa. Eppure, ogni volta che Jase è con lei, tutti i suoi problemi svaniscono all’istante ed è come se il muro eretto intorno al proprio cuore si sgretolasse a poco a poco. E infatti, quando una tragedia devastante si abbatte sul campus, rischiando di travolgere anche Teresa, Jase non esita un secondo ad intervenire pur di proteggerla. Ma l’amore che li lega sarà abbastanza forte da superare ogni ostacolo, o entrambi finiranno col perdere tutto ciò che hanno di più caro?

Pagine 416
Euro 16,40

Serie "Wait for you":
1- Ti aspettavo
1.5- Ti fidi di me?
2- Stai qui con me
3- (Stay with me) Inedito in Italia

"Un gatto, un cappello e un nastro" di Joanne Harris 
30 OTTOBRE
«Una lettura imperdibile, divertente e un po' incantata.»
«Vogue»

«Joanne Harris ci regala una raccolta di racconti che parlano della magia della vita di tutti i giorni.»
«Glamour»
Un gatto per tenermi compagnia.
Un cappello per nascondermi.
Un nastro per legare un sogno.
 


Che cosa porteresti con te su un’isola deserta? L’autrice di Chocolat non ha dubbi: un gatto, un cappello e un nastro. Tre oggetti in apparenza comuni che all’occorrenza sono in grado di far scaturire una miriade di immagini e di storie. Perché raccontare per Joanne Harris è un modo di affrontare la vita e le sue sfide: niente è impossibile per l’immaginazione, e se riusciamo a immaginare ci sarà sempre un finale inaspettato per ogni giorno della nostra vita. 
I racconti di Joanne Harris raccolti in Un gatto, un cappello e un nastro sono legati tra loro come scatole cinesi: basta aprirne una per scoprirne infinite altre, nascoste a una prima occhiata e per questo ancora più preziose. Storie popolate da personaggi profondamente umani, alle prese con difficoltà come il dolore di un lutto o lo svanire di un desiderio da tempo inseguito. Personaggi che nella fantasia e nella parola trovano non solo una via di fuga, ma anche una risorsa inesauribile di speranza e di forza di volontà. È il caso di Ngok e Maleki, due ragazzine africane che rifiutano di piegarsi a un destino di privazioni. O di Faith e Hope, anziane signore che, escluse dalla gita al mare della casa di riposo in cui vivono, si vendicano smascherando, con passione da detective, un grave sopruso. O di Maggie, che nella pasticceria troverà la dolcezza che la vita le ha negato. E ancora, ragazzini abituati a viaggiare più nella rete che nella realtà; una madre a caccia del figlio perduto fra le maglie insidiose di Twitter; un attore alla ricerca di una nuova vita e di una nuova casa che si rivelerà già occupata da una famiglia di fantasmi; un aspirante investigatore più portato all'avanspettacolo… 
Ancora una volta dopo Profumi, giochi e cuori infranti Joanne Harris torna alla forma, a lei più che congeniale, del racconto. Mondi lontani e vicini, atmosfere calde e coinvolgenti, personaggi ironici e incredibilmente veri: ci sono tutti gli elementi che permettono all’autrice di dare voce al suo straordinario talento, concentrando in poche pagine una forza narrativa che nulla ha da invidiare ai suoi romanzi più amati.

Pagine -
Euro 18,60

"Il centauro" di John Updike 
30 OTTOBRE
George Caldwell è un insegnante che non sopporta più la scuola e i suoi studenti, suo figlio Peter non ha amici, ama Vermeer e soffre di psoriasi. Entrambi sognano di andarsene via dalla cittadina della Pennsylvania in cui vivono. Il sacrificio di uno salverà l'altro, come Chirone con Prometeo? Con Il centauro Updike dimostrò che con la scrittura sapeva fare tutto. Un'onnipotenza virtuosistica che riesce ancora oggi a incantare il lettore. Basta prendere l'incipit del romanzo o la lunga scena della lezione di astronomia per capire come il minimo dettaglio realistico riesca a caricarsi di significati che lo trascendono, ogni infelicità individuale si proietti nel pulsare di una ferita cosmica. Con i suoi piani narrativi cangianti e l'alternanza (o la mescolanza) tra personaggi realistici e mitologici, è il romanzo più ardito di Updike, forse il più affascinante.

***

C'è un qualcosa che colloca Il centauro al centro della poetica di Updike, e ne fa la chiave di volta per comprendere anche altre sue opere agli antipodi per stile, struttura, concezione narrativa. Come ci ricorda Adam Begley nella sua notevole biografia, durante il discorso di accettazione del National Book Award Updike avrebbe sottolineato come «sia il libro che il suo eroe sono centauri», creature di invenzione nelle quali il terreno e il celeste, l'ordine e il caos, la bontà naturale e l'insopportabile pedanteria, ma anche il mitico e l'ordinario, il reale e il surreale, l'infinitamente piccolo e l'infinitamente grande, coesistono e si alternano sul proscenio. Un'ambivalenza e una coesistenza di opposti che ha senza dubbio nel personaggio di George Caldwell la propria compiuta incarnazione: un uomo buono che, citando ancora le parole di Updike, è al contempo «esilarante e lagnoso: una sorta di chiassoso altruista; una persona che combina il bene e la sua assenza in un modo interessante, e spesso comico». Un centauro, appunto.

Dalla prefazione di Luca Briasco

Pagine 322
Euro 21,00

"Il vecchio e il gatto" di Nils Uddenberg 
30 OTTOBRE
La storia tenera e irresistibile di un professore e del gatto che si è fatto strada nel suo cuore 

Si è presentata davanti alla finestra della camera da letto una mattina d’inverno e lo ha fissato con i suoi begli occhi tondi e color oro. In quel momento esatto ha cominciato a farsi strada nella sua vita.
Questo libro è incantevole come una micetta di sei settimane. Uddenberg descrive come nasce una vera e propria storia d’amore, con emozioni e sentimenti non dissimili da una storia fra esseri umani: lei chi è? Le piaccio? Adesso cosa pensa? Perchè si comporta così? Domande a cui l’autore, professore universitario in pensione, risponde facendo appello alla letteratura, alla filosofia, all’etologia. E a cui risponde con fantasia, umorismo e tanta delicatezza.

Pagine 160
Euro 12,00

"Il cammino oscuro - La vendetta degli albi" di Markus Heitz 

30 OTTOBRE
Sisaroth, Firûsha e Tirîgon sono dei privilegiati. Figli del governatore dello Dsôn Sòmran, sono tra gli albi più stimati del regno. Ma tutto cambia quando Sisaroth e Firûsha vengono accusati di omicidio e condannati all'esilio nella Forra Oscura, un luogo selvaggio e pericoloso, da cui nessuno è mai uscito vivo. Convinto che si tratti di un complotto per minare il potere del padre, Tirîgon è pronto a tutto pur di riabilitare i fratelli. Prima però deve assicurarsi che entrambi ritornino a casa sani e salvi. Perciò il giovane albo li segue nella forra oscura, inoltrandosi in quello strano mondo popolato da mostri, un mondo dominato dall'oscurità e in cui ogni passo può essere l'ultimo. Tuttavia Tirîgon si renderà conto che laggiù è in agguato una minaccia ben più pericolosa del buio: un valoroso guerriero delle stirpe dei nani attende infatti solo l'occasione giusta per eliminare i tre albi e tornare nella terra nascosta...

Pagine 602
Euro 19,90

"Il principe Lestat" di Anne Rice 
30 OTTOBRE
“C’è una Voce che solo loro possono sentire. Una Voce che non parla alle loro orecchie, né alla loro mente, ma direttamente al loro sangue. Una Voce di morte.“
Dolenti e magnifici, specchio oscuro delle nostre più ancestrali paure e del nostro eterno e inappagabile desiderio di immortalità, i vampiri sono tra noi. Vittime delle loro passioni, si muovono seduttivi e terribili nel mondo di oggi come in quello di ieri, scavalcando le ere e i confini geografici nello spazio di un giorno, pronti a scatenare le antiche e potenti forze della notte sul mondo ignaro, pronti a succhiare il sangue umano per vivere... Se può essere considerata vita la loro eterna dannazione. Ma ora qualcuno (qualcosa?) sta colpendo il mondo cristallizzato e terribile dei Non Morti. Da Parigi a Mumbai, da Hong Kong a Kyoto a San Francisco, una Voce misteriosa spinge i Bevitori di Sangue a combattersi tra loro, e sembra essere tornato il tempo dei Grandi Roghi. Anche il Principe Lestat la sente sussurrare e piangere nella propria mente... Che cosa vuole la Voce? Come potrà la tribù dei Non Morti sconfiggere questa forza immane che ha gettato tutti nel panico? Con la sua scrittura immaginifica, visionaria e sontuosa, Anne Rice torna al mondo affascinante dei vampiri, intrecciando le storie dei suoi personaggi più amati: il bellissimo Armand, Mekare e Maharet, Pandora e Flavius, e ancora David Talbot, generale superiore del Talamasca, mentre su tutti domina, pericoloso e ribelle, l'abbagliante principe Lestat, forse unica speranza di salvezza per i Non Morti...

Pagine 559
Euro 19,90

Serie "Cronache dei Vampiri" : 
1- Intervista col vampiro
2- Scelti dalle tenebre
3- La regina dei dannati
4- Ladro di corpi
5- Memnoch il diavolo
6- Armand il vampiro
7- Merrick la strega
8- Il vampiro Marius
9- Il vampiro di Blackwood 
10- Blood
11- Il principe Lestat

"Finestre" di Etgar Keret 

30 OTTOBRE
La mera presenza dell’Osservatore distorce l’Osservato. Un tweet mal riuscito? Tutt’altro: l’essenza profonda della Relatività di Albert Einstein, la più filosofica e, per molti versi, più inquietante, di tutte le speculazioni della fisica non solo teorica.
È precisamente in questo labirinto, in bilico tra entropia e distopia, tra interazione e allucinazione, che si trova immerso Mickey, attonito, ma non per questo meno attento, osservatore al fulcro di osservazioni tanto oblique quanto subdole. Per quale motivo Mickey stesso sembra non avere memoria di nulla? Che cosa spinge l’enigmatico uomo dal vestito marrone a rassicurarlo senza porgli, o neppure porsi, domande di sorta? Chi è Natasha, la bella donna dall’altra parte del cristallo a senso unico di quel laboratorio, simile a un baratro d’isolamento? E com’è possibile che la eternamente ambigua linea di divisione tra “osservatore” e “osservato” sembri disgregarsi sempre più perversamente a ogni singolo istante?
Spiazzante nella sua originalità, lacerante nella sua ineluttabilità, questo raffinato racconto offre finestre totalmente inattese sulla psiche, la percezione, l’identità, spingendosi ben oltre qualsiasi perverso meccanismo di scambio di ruoli.” (Alan D. Altieri)

Traduzione: Alessandra Shomroni
Euro 0,99
Formato: Ebook

"Il pozzo e il pendolo" di Edgar Allan Poe 

30 OTTOBRE
Un uomo si sveglia: è imprigionato in una cella immersa nell'oscurità assoluta. In essa si celano insidie peggiori di una semplice detenzione: sopravviverà?
“Esplorare la tenebra. Con la ineluttabile consapevolezza che, nella tenebra, la morte è in attesa. Cadere, ecco la prima sfida della morte. Un salto senza fine in un baratro senza fondo. Solo che evitare il baratro è solamente il primo, e di certo non il peggiore, degli assalti della morte. In questa realtà in lenta dissoluzione, la sfida conclusiva è oltreil baratro. Una tavola in bilico sul vuoto, legami dai quali sembra impossibile liberarsi. E al di sopra del baratro, simile a un maleficio beffardo, una lama oscillante, sibilante, mutilante. Un pendolo letale che a ogni singolo ciclo cala sempre più.
Un pozzo. E un pendolo. L’alchimia perfetta per l’incubo perfetto. Concepito dal nemico perfetto: la Santa Inquisizione. Anche se, al fondo di questa segreta misteriosa, sprofondata in qualche luogo ignoto, la santità sembra essere null’altro che una macabra beffa.
Maestro di cerimonie di questa escursione infernale è Edgar Allan Poe, l’immortale profeta del lato oscuro che da un lato
Ne Il Pozzo e il Pendolo, capolavoro assoluto e insuperato della letteratura dell’inquietudine, intesa nel senso più alto del termine, le geometrie della tenebra si distorcono e i tempi della morte si dilatano, raggiungendo i limiti estremi della follia umana. E inumana.” (Alan D. Altieri)
Tratto da Racconti, pubblicato da Feltrinelli.

Traduzione: Mariarosa Mancuso
Euro 0,99
Formato: Ebook

"I miti di Cthulhu" di H. P. Lovercraft 

30 OTTOBRE
“Profeta e precursore, iniziatore e ispiratore, Howard Phillips Lovecraft - ampiamente passato alla storia della letteratura (e non solo) con il suo acronimo HPL - rimane, e rimarrà, l’erede diretto di Edgar Allan Poe nel gotico, nell’horror e nel soprannaturale. Passato quasi un secolo, l’opera di HPL si conferma fino ai giorni nostri come la più approfondita e innovativa esplorazione in assoluto del lato oscuro. Un’esplorazione che scavalca la compressa condizione umana, arrivando a conquistare a pieno diritto una dirompente dimensione cosmica.
 
È precisamente quest’ultima, la dimensione cosmica, la valenza de I Miti di Cthulhu (Cthulhu Mythos), vettore tematico e narrativo primario di HPL assieme al Ciclo del Sogno (Dream Cycle) e alle Storie Macabre (Macabre Stories). L’assioma di HPL alle radici de I Miti di Cthulhu è tanto semplice quanto agghiacciante: l’uomo, con tutte le sue contraddizioni, paure, miserie, è null’altro che un instabile, incerto, in ultima analisi insignificante incidente di percorso nel dominio ineluttabile dei Grandi Antichi (The Old Ones), titaniche, onnipotenti divinità maligne confinate solo momentaneamente in un labirinto inter-dimensionale, ma fatalmente destinate a tornare a riprendersi ciò che appartiene loro da prima dell’esistenza stessa del tempo. Su tutto, su tutti, Cthulhu, mostruoso Zeus di inferi troppo terribili per essere anche solo immaginati, sia pure nel più spaventoso dei deliri.
 
Ecco quindi le storie di Chtuhlu, una cavalcata nella tenebra degli eventi e nei baratri dell’anima come nessun altro autore prima di HPL, e di certo mai dopo HPL, è mai stato in grado neppure remotamente di concepire.” (Alan D. Altieri)
 
Tratto da Il dominatore delle tenebre, pubblicato da Feltrinelli.

Traduzione: Sergio Altieri
Euro 1,99
Formato: Ebook

"In un giorno di pioggia" di Raymond Chandler 

30 OTTOBRE
“A Los Angeles, California, città degli angeli caduti, la pioggia è un brutto presagio. Cose strane, cose maledette dilagano a Los Angeles, California, quando il cielo si oscura. Non si sorprende più di tanto, quindi, il detective privato senza nome chiamato a chiarire quella brutta faccenda di relazioni infami, tradimenti incrociati e omicidi facili: in fondo, sta accadendo tutto in un giorno di pioggia.
Prima pietra in assoluto del monumentale arco narrativo di Raymond Chandler, l’Autore-leggenda ancora oggi profeta indiscusso dei generi hard-boiled e noir, In un giorno di pioggia è il racconto che dà inizio a tutto, letteralmente. Pubblicato nel 1935 su “Black Mask”, rivista culto della narrativa mystery americana, divenuto poi il titolo della prima raccolta di racconti di Raymond Chandler, Killer in the Rain, titolo originale, si rivela come vero e proprio compendio di personaggi, tematiche e atmosfere destinate a diventare i centri di gravità dell’intera epopea narrativa chandleriana. Dal segugio determinato ed esistenzialista, cavaliere in armatura di flanella grigia che comunque non cede al cinismo, alle femmes fatales la cui etica brucia nel falò della sensualità manipolatoria. Dai gangster lingua sciolta e grilletto facile ai poliziotti certamente duri ma tutt’altro che puri, fin troppo proni a lasciare che sia qualcun altro ad accollarsi il lavoro sporco.
In un giorno di pioggia è tutto questo, certo, ma è anche e soprattutto la cartina di tornasole di quella cannibalization, nella definizione dello stesso Chandler, operata dall’Autore come radice di nuove storie, più grandi e più complesse. A tutti gli effetti, In un giorno di pioggia è la genesi proprio di quel capolavoro chiamato Il grande sonno.” (Alan D. Altieri)
Tratto da L’uomo a cui piacevano i cani, pubblicato da Feltrinelli.

Traduzione: Attilio Veraldi
Euro 0,99
Formato: Ebook

"La peste dell’anno uno" di Andrea Tomaselli 

30 OTTOBRE
“Il Mondo, M maiuscola, là fuori, è andato. Niente più telefoni cellulari, auto, internet, etc. Doveva accadere, un giorno o l’altro, e alla fine èaccaduto. Niente più Homo sapiens sapiens. O qualsivoglia imitazione del medesimo. Apocalisse pandemica: ben oltre AIDS, SARS, Ebola e ben al di là di qualsiasi catastrofica escatologia. A tutti gli effetti, la Sesta Estinzione è già una realtà, forse lo è sempre stata.
Eppure qualcuno, rintanato tra meandri di tenebra, continua a combattere una guerra senza fine. Un padre duro come l’acciaio, una figlia incerta come il giunco. In questo rapporto inevitabilmente claustrofobico, intrinsecamente in bilico, non cessano di riflettersi tutte le contraddizioni della nostra (non)società. Una società che, semplicemente, ha cessato di esistere.
Almeno fino quando, in una feroce e ferale ossessione di sopravvivenza, attraverso una Gehenna tutta spirituale, specchio oscuro dell’apocalisse cosmica, non arriva a insinuarsi una diversa peste, molto più distruttiva, molto più letale. La peste del dubbio.
Un apologo allucinato e allucinatorio, nero come l’inferno sotterraneo che strangola i due protagonisti. La ricerca disperata di una via di uscita, qualsiasi possa essere. Un gioiello della narrativa underground, in tutti i sensi.” (Alan D. Altieri)

Euro 0,99
Formato: Ebook

"Le confessioni di Xavier X" di A.S. 

30 OTTOBRE
“Fin troppo di rado, nella condizione umana, tutto quello che luccica è oro. Per un autore di successo, largamente celebrato ma anche, inevitabilmente, invidiato e vituperato, quel medesimo successo può assumere la pesantezza non tanto dell’oro quanto del bronzo. Se poi quel medesimo autore è incatenato a se stesso da quella tragedia terribile chiamata cecità, a quel punto perfino il bronzo si disgrega, lasciandosi dietro solamente aspre masse di piombo.
Ma questa tenebrosa prigione senza sbarre può trasformarsi, per chi abbia la fantasia e il cinismo adatti, in un oscuro giardino delle delizie. 
Quale migliore delizia del libertinaggio senza freni? Quale più ineffabile, struggente tortura se non possedere, lanciandosi da un buio impenetrabile subdolamente diventato luce accecante, ogni singola donna di cui si percepisce il profumo? Quale più acre rivalsa contro il fato, gli dei e gli uomini, se non violare convenzioni, incrinare relazioni, deviare ispirazioni? 
Il primo atto di una provocatoria, iconosclasta serie erotica magistralmente vista dalla parte di lui.” (Alan D. Altieri)

Euro 1,99
Formato: Ebook

"L’eleganza degli angeli" di L. & S. Hammer 

30 OTTOBRE
“Maria è decisamente bella, e non ha nessuna ragione di dubitarne: al suo passaggio le donne bruciano d’invidia e gli uomini ardono di passione. Maria è indubbiamente sexy, ed è una fuoriclasse della provocazione sottosogliare: suggerisco-ma-non-rivelo, implico-ma-non-concedo. Maria sa esattamente come maneggiare tutto quel contante: non a caso è uno dei cardini della grande banca. Maria, infine, vuole solamente continuare a fare ciò che sa fare meglio di chiunque altro: arraffare tutto l’arraffabile e farla franca.
Difatti: Maria è una criminale incallita. Rischi? Certo, e anche non da poco. Ma per venticinquemila sterline all’anno, in nero, del tutto esentasse, bene, come non cedere al vizio capitale dell’avidità? Con quel suo viso d’angelo, quei suoi occhioni da cerbiatta, quelle sua labbra da sogno, quelle sue griffe da favola riesce a depredare e frodare, ingannare e manipolare dal più sgamato dei suoi correntisti al più cinico dei suoi capi. Oh, Maria: mantide perfetta dalla perfetta strategia... O forse no?
Quanto sgradevole quel Larsson, con il suo atteggiamento finto timido e le sue infami lettere ricattatorie. Larsson le sta addosso, Larsson le presenta il conto, Larsson vuole... be’, si sa quello che vogliono gli uomini. O forse no?
Un acido, concentrato divertissement al nero, continuamente in bilico tra provocazione ed eleganza, tra guerra dei sessi e crimine che paga.” (Alan D. Altieri)

Traduzione: Anna Grazia Calabrese
Euro 0,99
Formato: Ebook

"Scroogled" di Cory Doctorow 

30 OTTOBRE
“D’accordo, in questa nostra instabile epoca di guerra globale al terrore (o qualsivoglia imitazione della medesima), i viaggi aerei hanno perduto tutto il fascino, il glamour di un tempo. Controlli, interrogatori, radiografie, perquisizioni. Che cosa non si fa nel nome della sicurezza, giusto? Sbagliato. Perché adesso perfino la sicurezza (o qualsivoglia imitazione della medesima) ha scavalcato i parametri. Per tramutarsi in un’arma meta-totalitaria alla rovescia: intrusione, violazione, intimidazione, prevaricazione. La radice maligna di tutto questo? All’apparenza, la più inoffensiva e più improbabile di sempre. Google.
Esatto: proprio il "motore di ricerca dei motori di ricerca", diventato l’impero planetario del web. Solo che questo Google non ha proprio più nulla a che spartire con il Google che abbiamo conosciuto e conosciamo. Nel bad new world chiamato Internet, questo Google è un’entità strangolante e opprimente, pervasiva e invasiva. Basta connettersi, anche per istante, e questo Google guarda tutto e vede tutto, scruta tutti e analizza tutti. Un autentico, micidiale Grande Fratello controllato da...chi?
Con Scroogled l’asso della fantascienza contemporanea Cory Doctorow traccia la mappa, caustica e impietosa, di un ennesimo inferno virtuale nel quale, volenti ma soprattutto nolenti, potremmo essere già sprofondati.” (Alan D. Altieri)

Traduzione: Floriana Pagano
Euro -
Formato: Ebook