domenica 31 agosto 2014

Anteprima: LA VITA IN OGNI RESPIRO di Blanca Busquets


LA VITA IN OGNI RESPIRO 
di Blanca Busquets


Editore Piemme
Formato Rilegato
Pubblicato 02/09/2014
Pagine 238
Lingua Italiano
ISBN-13 9788856631449
Traduttore G. Tavani


A volte la musica è quel filo invisibile in grado di unire i cuori di tutti. L’unica lingua con cui si può spezzare il silenzio.

Sono passati dieci anni dalla morte di Karl T., grandissimo direttore d’orchestra. Il figlio Mark, anch’egli musicista, decide di omaggiarlo organizzando un concerto a Berlino, città natale del padre. Per l’occasione, chiama in Germania le tre donne che Karl ha amato di più: Maria, Anna e Teresa. Tre donne che hanno intessuto negli anni rapporti diversi ma ugualmente intensi con Karl, ai tempi in cui la sua casa di Barcellona era aperta a tutti e sempre inondata di musica. Tre donne unite, oltre che dalla passione per la musica, anche da un prezioso oggetto che apparteneva a Karl e che è finito ora nelle mani di Anna: un violino Stainer, che nel concerto commemorativo Anna suonerà in un assolo, chiudendo il cerchio dei ricordi. Ma non tutto andrà come dovrebbe, e il violino si rivelerà essere di qualcun altro...

Nata a Barcellona nel 1961, è tra le maggiori autrici catalane contemporanee. Ha ricevuto nel 2011 il prestigioso premio Llibreter per l’acclamato romanzo L’ultima neve di primavera (Piemme, 2013). Appassionata di musica classica, ha lavorato a lungo per la radio e per il teatro.

www.blancabusquets.cat




venerdì 29 agosto 2014

Novità Longanesi di Agosto

"La dea delle piccole vittorie" 
di Yannick Grannec

28 AGOSTO

ROMANZO VINCITORE DEL PREMIO LIBRAI FRANCESI INDIPENDENTI 2013 

«Quel soffio magico di una narrazione che abbraccia oltre mezzo secolo.», Le Figaro Magazine. 
«A tratti ricorda Dostoïevski. Un romanzo di rara finezza.», Le Nouvelle Observateur. 

IL DESTINO DI UN UOMO CHE AMAVA SOLO I NUMERI E DI UNA DONNA CHE AMAVA SOLO LUI. 

Ottobre 1980, Princeton: una giovane archivista, Anna Roth, riceve l’incarico di recuperare tutti i documenti di Kurt Gödel, il più affascinante ed ermetico matematico del ventesimo secolo. Per farlo deve avvicinare la vedova del grande genio, morto da due anni, un’anziana e spigolosa signora che sembra voler mettere in atto una sorta di vendetta tardiva nei confronti dell’establishment accademico rifiutandosi di cedere un archivio dal valore storico e scientifico incommensurabile. Fin dal primo incontro, Adele Gödel si mostra diffidente nei confronti di Anna eppure non la respinge. Si limita a imporle le proprie regole. Perché Adele sa che le resta poco da vivere ma c’è una storia che vuole assolutamente raccontare, una storia che nessuno ha mai voluto ascoltare. Dal grande fermento culturale della Vienna anni Trenta alla Princeton nell’immediato dopoguerra, dal maccartismo all’avvento delle armi nucleari, Anna scopre la vita di una donna che ha a lungo caparbiamente cercato un impossibile equilibrio fra genio, amore e follia.

Pagine -
Euro 17,60

"Da quando sei scomparsa" 
di Daly Paula

28 AGOSTO

Che cosa fai se la figlia della tua migliore amica è scomparsa... ed è solo colpa tua? 

Lisa è una donna come tante, che come tante cerca di essere una buona madre, una buona moglie, una buona lavoratrice. Come tante, annaspa per tenere insieme tutti i pezzi della sua vita. Non come Kate, la sua migliore amica, che non avendo impegni di lavoro può dedicarsi anima e corpo alla cura dei suoi figli, trovando persino il tempo di occuparsi dei problemi altrui. 
Una donna perfetta. Lisa sa di non essere perfetta, ma fa del suo meglio. Finché, in un giorno particolarmente difficile di una settimana estremamente dura, accade qualcosa di terribile. Basta un attimo di distrazione, un tragico errore, e la figlia tredicenne di Kate, che le era stata affidata per un giorno, sparisce nel nulla. La prima, sconvolgente ipotesi è che sia stata adescata da un maniaco sospettato di aver rapito e violentato un’altra adolescente nella stessa zona. 
Comincia così per Lisa un lungo calvario, fatto di accuse spietate da parte della pubblica opinione e di inevitabili sensi di colpa, che la spinge però a intraprendere un’indagine privata. Un’indagine che rivelerà l’orrore nascosto sotto l’apparente tranquillità della vita quotidiana... Un romanzo d'esordio pieno di sespense, inquietante perché credibile, che ricorda il clamoroso successo di critica e pubblico di A.S.A. Harrison, La sposa silenziosa. I diritti di traduzione sono stati venduti in 13 paesi. 
«Una voce piena di passione e di energia, capace di indagare a fondo i tradimenti e le paure della vita quotidiana.», The Daily Mail.

Pagine -
Euro 16,40

"La congiura dei potenti" 
di Carlo A. Martigli


28 AGOSTO

Dopo il successo di 999, L'ULTIMO CUSTODE, Carlo A. Martigli torna a raccontare il lato oscuro della Storia. 
Carlo A. Martigli è un autore da 150.000 copie vendute. La sua peculiarità è quella di intrecciare Storia e fiction, per dare vita a romanzi ricchi di passioni e colpi di scena.

Worms, 1521. Costretto dall’imperatore ad abiurare le sue tesi eretiche, Lutero si rifiuta e difende la propria critica radicale alla decadenza della Chiesa di Roma. Esposto alle minacce più diverse, Lutero – grazie ad abili sotterfugi orditi a sua insaputa – trova rifugio presso l’uomo più potente della Germania e, probabilmente, dell’intera Europa. L’uomo è il banchiere Jacob Fugger, il «re di danari», l’artefice della carriera di tutti i potenti d’Europa, dal papa allo stesso imperatore. E Fugger ha molte ragioni per far sì che Lutero sopravviva e, soprattutto, che esegua la sua volontà... Ma a casa Fugger arriva anche un uomo dal passato tormentato e con un incarico segreto. L’uomo è Paolo de Mola e a ostacolare i suoi piani, e quelli del suo misterioso mandante, non saranno le rivolte contadine di Thomas Müntzer, né gli intrighi di potere. Sarà l’amore, quello proibito e clandestino per la bella e giovane moglie di Fugger, Sibylle... È il momento in cui la Chiesa da un lato e Lutero dall’altro devono scegliere tra il potere e il popolo. Sceglieranno entrambi il potere. 
È il momento in cui il potere assume la forma non delle armi né della fede, ma quella che dura ancor oggi: quella del denaro. È il momento in cui, per Paolo de Mola, diventare uomo significa combattere contro tentazioni e forze sconosciute. Con la sua consueta abilità, Martigli intreccia storia e finzione dando vita a un grande romanzo ricco di passioni e colpi di scena, raccontando la nascita di quella forma del potere economico che ancora oggi governa le nostre vite.

Pagine -
Euro 14,90

Anteprima: "Lo strano caso dell'apprendista libraia" di Deborah Meyler

"Lo strano caso dell'apprendista libraia" 
di Deborah Meyler

28 AGOSTO

«Un romanzo pieno di vita che apre il cuore e regala buonumore. E che vi mostrerà che le librerie, a volte, sono un posto magico.» Booklist

«In poco tempo è diventato il libro più amato da tutte le librerie. Questo romanzo è un fenomeno.» Usa Today


Esme ama ogni angolo di New York, e soprattutto quello che considera il suo posto speciale: La Civetta, una piccola libreria nell’Upper West Side. Un luogo magico in cui si narra che Pynchon ami passare i pomeriggi d’inverno e che nasconde insoliti tesori, come una prima edizione del Vecchio e il mare di Hemingway. Ed è lì che il destino decide di sorriderle quando sulla vetrina della libreria vede appeso un cartello: cercasi libraia. È l’occasione che aspettava, il lavoro di cui ha tanto bisogno. Perché a soli ventitré anni è incinta e non sa cosa fare: il fidanzato Mitchell l’ha lasciata prima che potesse parlargli del bambino. Ma Esme non ha nessuna idea di come funzioni una libreria. Per fortuna ad aiutarla ci sono i suoi curiosi colleghi: George, che crede ancora che le parole possano cambiare il mondo; Mary, che ha un consiglio per tutti; David e il suo sogno di fare l’attore. Poi c’è Luke, timido e taciturno, che comunica con lei con le note della sua chitarra.
Sono loro a insegnarle la difficile arte di indovinare i desideri dei lettori: Il Mago di Oz può salvare una giornata storta, Il giovane Holden fa vedere le cose da una nuova prospettiva e tra le opere di Shakespeare si trova sempre una risposta per ogni domanda. E proprio quando Esme riesce di nuovo a guardare al futuro con fiducia, la vita la sorprende ancora: Mitchell viene a sapere del bambino e vuole tornare con lei. Esme si trova davanti a un bivio. Il suo più grande desiderio sta per realizzarsi, ma non è più la ragazza spaventata di un tempo e non sa più se è quello che vuole davvero.
Perché a volte basta la pagina di un libro, una melodia sussurrata, una chiacchierata a cuore aperto con un nuovo amico per capire chi si è veramente. Perché Esme non è più un’apprendista libraia, ora è una libraia per scelta.

Lo strano caso dell’apprendista libraia è il romanzo più amato dalle librerie indipendenti americane. Grazie a loro è partito un passaparola tra i lettori che ne sono rimasti incantati. Deborah Meyler è convinta che l’esperienza più bella della sua vita sia stata lavorare in un negozio di libri e ha deciso di descriverla. Un romanzo che ricorda a tutti noi come il fascino delle librerie sia intramontabile. E che spesso quei luoghi pieni di scaffali polverosi nascondono sorprese inaspettate.

Qui puoi leggere le prime pagine: http://bit.ly/1omEcau



giovedì 28 agosto 2014

“Rebirth – I Tredici Giorni” esce a Novembre!

Cari lettori,
nel post di oggi vorrei comunicarvi una novità che mi riguarda. Nel mese di novembre, uscirà un mio nuovo libro. Questa volta di tratta di un paranormal romance. Il titolo è “Rebirth – I Tredici Giorni” e sarà edito da Dunwich Edizioni.
Ahimè non posso mostrarvi la cover, né svelarvi altro. Ma posso lasciarvi con un piccolo frammento del romanzo:


"Ayku accolse il mio sguardo smarrito e si sedette accanto a me. 
Il ritmo del suo respiro risuonava nella mia testa, come il turbinio del vento in una stanza vuota. Le sue mani erano a un soffio dalle mie e non potevo toccarle. Abbandonai la testa da un lato e vidi il suo profilo perfetto stagliarsi nell’ombra, come una falce di luna crescente nella notte. 
Non riuscivo a non pensare che avrei voluto far correre il polpastrelli lungo quel profilo e disegnarne figure armoniose coi miei baci. 
Scacciai il pensiero e mi strinsi il petto alle ginocchia. «Devi riposare la mente, Grace» mi disse lui. 

Non ci riuscivo. "


Anteprima: Qui e ora - ANN BRASHARES


Non puoi scegliere di chi innamorarti

Un gruppo di viaggiatori nel tempo. Una ragazza
che riesce a salvare il mondo. Un amore
impossibile.


RAGAZZI
13,5 x 21 cm
pp. 300
Cartonato con sovraccoperta
Euro 14,90
Agosto 2014
Nella comunità a cui appartiene Prenna, diciassette anni, è vietato frequentare estranei e d’obbligo indossare strani occhiali da vista. Le regole sono rigide: non bisogna rivelare la propria vera identità all’esterno né destare sospetti tra la gente “normale”. Nessuno deve sapere che vengono dal futuro e sono fuggiti da un mondo devastato in cerca di un tempo migliore in cui vivere. In un sistema del genere c’è poco spazio per la libertà personale e nessuno per l’imprevisto. Ma se l’imprevisto ha l’aspetto di Ethan, un ragazzo disinvolto e generoso, che si taglia i capelli da solo e porta sempre vecchi pantaloni militari, cosa potrà mai succedere? Non si può sfiorare l’amore e far finta di niente, Prenna lo sa, per questo è disposta a infrangere qualunque divieto per lui. Insieme, Ethan e Prenna sfideranno il destino per poter dare al mondo un futuro migliore.
ANN BRASHARES è nota per la fortunata serie di romanzi Quattro amiche e un paio di jeans, pubblicata in tutto il mondo, e in Italia da Rizzoli, così come i suoi libri Tre salici e Un’estate per due. Scrive per adolescenti e adulti. Vive a New York con il marito e i quattro figli.


«Proprio come un film di successo, il nuovo romanzo do Ann Brashares offre una trama avvincente, una storia d’amore e una sana dose di imprevedibilità»
 Kirkus Reviews


Anteprima: L'Attesa - Samantha Hayes


titolo originale: Until You’re Mine
traduzione: Susanna Molinari
pagine: 376 - prezzo: € 16,40
eBook: € 9,99
In libreria: 28 agosto 2014
Claudia ha tutto ciò che ha sempre sognato. Vive in una graziosa villetta poco fuori Birmingham, al suo fianco ha un uomo premuroso e, finalmente, è in dolce attesa di una bambina a lungo desiderata. Sarebbe tutto perfetto, se James – proprio ora che il parto è imminente – non fosse costretto a partire per un lungo viaggio di lavoro all’estero. Sebbene sia una donna forte e indipendente, Claudia non se la sente di affrontare da sola gli ultimi giorni della gravidanza e decide quindi di assumere una tata. E le basta un attimo per convincersi che Zoe Harper è la persona giusta: una professionista efficiente, esperta, discreta. Ma, nel giro di qualche tempo, Claudia comincia a ricredersi e viene assalita dai dubbi.
C’è qualcosa che non va in quella ragazza, qualcosa che la mette estremamente a disagio. Perché, quando crede di non essere vista, Zoe si trattiene nello studio di James? E perché una volta Claudia l’ha sorpresa mentre rovistava nei cassetti della sua camera? Inoltre, proprio dal giorno in cui Zoe è entrata nella sua vita, quel tranquillo quartiere residenziale è diventato lo scenario di una catena di brutali omicidi: possibile sia una coincidenza?
Con la polizia che non crede ai suoi sospetti, Claudia può contare solo su se stessa. E ha paura. Ma l’origine di quella paura è il suo segreto. Un segreto che nessuno deve portare alla luce…

In bilico sulla sottile linea di confine che divide verità e menzogna, L’attesa s’insinua pagina dopo pagina nella nostra mente come solo i migliori romanzi di suspense sanno fare, conducendoci verso un finale sconvolgente che dà un nuovo significato all'espressione «niente è come sembra».
Nella sua vita, Samantha Hayes ha fatto i lavori più disparati: dall’investigatore privato alla barista, dal raccoglitore di frutta al bracciante in una fattoria. Ha vissuto in tre continenti diversi prima di tornare in Inghilterra per dedicarsi alla narrativa. Dopo aver scalato le classifiche inglesi, L’attesa è in corso di traduzione in tutto il mondo.


«Non cercate oltre.
L’attesa è un thriller che è impossibile smettere di leggere.»
Cosmopolitan

«Scritto divinamente e davvero intenso.»
Independent

«Un romanzo dal ritmo serratissimo.
Non vi staccherete fino all’ultima riga.»
Closer

«Se amate i thriller psicologici, questo romanzo è il migliore sul mercato.
E ha un finale che vi sconvolgerà.»
Bella



«Un sottile senso di paura permea questo incredibile thriller psicologico,
animato da una trama ricca di colpi di scena
che vi condurrà a un finale sorprendente e inquietante.»
Publishers Weekly



«Un thriller fuori dal coro, il migliore che abbiamo letto quest’anno.
È praticamente impossibile recensirlo senza rivelare qualcosa della trama,
quindi lasciamo perdere. 
Vi diciamo soltanto: quando meno ve lo aspettate...»
Harper Bazaar








mercoledì 27 agosto 2014

I miei 10 libri preferiti

Cari lettori,
ecco accontentati, coloro che mi hanno invitato a pubblicare la mia top ten dei libri più amati di sempre.
Non li ho scritti, ma ho voluto registrare un video per voi.
Buona visione. ;)

P.s. Tra tutti questi, mi sono dimenticata di menzionare "Marina" di Zafòn. *_* Scusate.


martedì 26 agosto 2014

Anteprima: Fuori è buio di Eleonora Della Gatta

Carissimi lettori,
oggi vi presento una raccolta di racconti che personalmente sono curiosissima di leggere e lo farò presto. L'autrice è una talentuosa scrittrice emergente, Eleonora Della Gatta. 
Ecco a voi: Fuori è buio. 




Autore: Eleonora Della Gatta
Genere: Horror/Short Stories
Pagine: 180
Prezzo: 2,99 ebook
Data di Uscita: 25/8/2014
Disponibile nell’eshop qui:
http://www.dunwichedizioni.it/wordpress/prodotto/fuori-buio-eleonora-gatta-ebook/
E su Amazon qui: 
http://www.amazon.it/Fuori-Buio-Eleonora-Della-Gatta-ebook/dp/B00N16DN72/ref=sr_1_25?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1409042578&sr=1-25&keywords=dunwich+edizioni


                                                                      
Tredici racconti che si snodano nel mondo del fantastico, tra horror e fantascienza con tocchi di urban fantasy. Incontreremo alieni che conducono il telegiornale, un uomo afflitto da un mal di testa molto particolare, un artista americano che dipinge con i gessetti colorati opere d’arte dagli strani poteri. C’è un veterinario che custodisce un segreto terribile che lo porterà sulla soglia della follia, un bambino curioso che ficca il naso dove non dovrebbe, una divinità indù che sta preparando la distruzione di tutta l’umanità e non solo, una donna con il pollice verde il cui amore per le piante si spinge oltre ogni limite, un automobilista sfortunato che incappa negli abitanti di un piccolo paesino del sud che lo coinvolgeranno in una particolare processione. Questo e molto altro nei tredici racconti della raccolta FUORI È BUIO.

                                                                 
Eleonora Della Gatta nasce nel 1980 a Roma, dove attualmente risiede. Diplomata al liceo classico, è laureanda in Letterature Europee Moderne alla Sapienza.
Blogger, scrittrice emergente, web writer e articolista freelance, ha partecipato a vari concorsi letterari e pubblicato diversi racconti e tre romanzi con Il Ciliegio Edizioni (Le Guardiane della Nebbia-il Risveglio, Le Guardiane della Nebbia-il Pooka, Il palazzo dei segreti). Il suo blog è www.aristogatta.com ma potete contattarla anche su facebook alla pagina https://www.facebook.com/AristogattaBlog.

                                                                   
«È merito mio se siamo entrate in contatto. O forse colpa mia, non so. Tempo fa sono riuscita a scorgerti nello specchio, è durato pochissimo, ma è bastato perché intuissi qualcosa. Il resto me l’ha rivelato la mamma, mi ha detto lei come fare per prolungare la connessione.»
Ero incredula. «La mamma? Mia mamma?»
«Mia mamma, tua mamma. È la stessa cosa. È la stessa persona, solo che la mia ha effettuato scelte differenti rispetto alla tua.»
Avevo alcuni nodi nel cervello, non ero sicura di aver capito bene e al contempo avevo paura di aver compreso fin troppo.
«Lei ha capito tutto, semplicemente perché le era capitato sei anni prima. Lei l’ha fatto.»
«Fatto cosa?»
«Lo scambio di realtà con un’altra se stessa», disse infine.
Questo era davvero troppo. «No, questa è pazzia», sbottai. Feci per girare i tacchi e andarmene.
«Elisa, aspetta», mi urlò il riflesso, «non avremo un’altra occasione. Abbiamo solo stanotte, poi le nostre realtà si separeranno per sempre e non si incontreranno mai più.»
Mi bloccai. Il tono della mia voce, al di là dello specchio, sembrava davvero disperato.
«Tu mi stai dicendo che vuoi fare a cambio con me, vuoi rubare la mia vita?» risposi, aspra.
«Non voglio rubare nulla, non posso fare un bel niente senza il tuo consenso. È uno scambio, Elisa, tutto qui.»
                                                                 

Uscite del 27 agosto

"Qui e ora: Non puoi scegliere di chi innamorarti" 
di Ann Brashares 



27 AGOSTO

Nella comunità a cui appartiene Prenna, diciassette anni, è vietato frequentare estranei e d’obbligo indossare strani occhiali da vista. Le regole sono rigide: non bisogna rivelare la propria vera identità all’esterno né destare sospetti tra la gente “normale”. Nessuno deve sapere che vengono dal futuro e sono fuggiti da un mondo devastato in cerca di un tempo migliore in cui vivere. In un sistema del genere c’è poco spazio per la libertà personale e nessuno per l’imprevisto. Ma se l’imprevisto ha l’aspetto di Ethan, un ragazzo disinvolto e generoso, che si taglia i capelli da solo e porta sempre vecchi pantaloni militari, cosa potrà mai succedere?
Non si può sfiorare l’amore e far finta di niente, Prenna lo sa, per questo è disposta a infrangere qualunque divieto per lui. Insieme, Ethan e Prenna sfideranno il destino per poter dare al mondo un futuro migliore.



Pagine 202
Euro 14,90
        





"Copia-e-incolla" 
di Danny Wallace 



27 AGOSTO

È questo il messaggio che Tom Ditto, trentenne londinese, trova la sera del 12 giugno, la sera in cui scopre che la sua ragazza non c'è più, ma non lo ha lasciato. Ma cosa significa? Hayley se ne è andata oppure no? Tornerà? Quando? E cosa diavolo dovrebbe fare Tom nel frattempo? Incapace di stare ad aspettare, Tom si mette sulle tracce di Hayley. E nel farlo si imbatte in uno strano ed eccentrico gruppo di persone con un hobby tanto insolito quanto contagioso. Un attimo dopo si accorge di essere pedinato, ma non sa da chi. E poi rischia di perdere il lavoro in radio per colpa di un infausto incidente: un piccolo gesto per un presentatore navigato come lui, che dimentica inavvertitamente il microfono acceso proprio quando tutta Londra è all'ascolto, un incidente enorme per la responsabile dell'emittente radio, che minaccia di licenziarlo seduta stante. Ma per Tom l'importante è capire cosa sta succedendo alla sua vita e chi sono le persone che gli stanno intorno. Perché, chi è Hayley in realtà? E chi è la ragazza che continua a seguirlo al supermercato? E chi cavolo è Tom Ditto?



Pagine 368
Euro 17,00


                                                                


"Alabarde, alabarde" 
di Jose Saramago 



27 AGOSTO

Artur Paz Semedo, impiegato di una storica fabbrica d'armi, le Produzioni Bellona s.a., e intenditore di film bellici, viene profondamente colpito da alcune commoventi immagini de "L'espoir", di André Malraux, cui assiste casualmente. La successiva lettura del libro, che pare già provocare un'impercettibile incrinatura nelle sue certezze di amante appassionato delle armi da fuoco e, poco dopo, il suggerimento della ex moglie Felícia, una pacifista convinta, di investigare negli archivi dell'azienda per scoprire se le Produzioni Bellona s.a. abbiano mai venduto armamenti ai fascisti lo avviano verso un'avventura...



Pagine 112
Euro 10,00

lunedì 25 agosto 2014

Felici scoperte

Cari lettori,

voglio dare il via a una nuova rubrica del mio blog "Felici scoperte"
Di cosa si tratta? Ve lo spiego subito. Voi come me, amerete alla follia i libri e le librerie. Ecco, io adoro scoprirne di nuove. Dall'incontro che ho casualmente fatto sabato con una nuova libreria, è nata l'idea di "Felici scoperte".

Ogni volta che conoscerò una bella libreria, pubblicherò foto e post. Anche voi potreste suggerirmi le librerie più belle. 
Il posto che ho scoperto sabato è questa meraviglia qui. Si tratta di Edicolè, che diventerà presto una libreria Mondadori. Si trova a Fancavilla Fontana, Brindisi. Trovate tutte le info nella pagina fan. :)
Se siete della provincia di Brindisi, dovete assolutamente visitarla!
Vi abbraccio





giovedì 21 agosto 2014

The Very Inspiring Blogger Award

Ciao lettori,
oggi vi segnalo un carinissimo contest tra i blog: The Very Inspiring Blogger Award.


Ecco qui le regole:
• Ringraziare la persona che ti ha nominato;
• Elencare le regolare e visualizzare il premio;
• Condividere 7 fatti su di te;
• Nominare altri 15 blog e lasciare un commento per fargli sapere che sono stati nominati;
• Mostrare il logo del premio sul tuo blog e seguire il/la blogger che ti ha nominato.


Cominciamo! 
 Inizio col ringraziare Clarke Petrova per aver nominato il mio blog. :)
Vediamo se riesco a snocciolarvi 7 fatti che mi riguardano:

- Amo la magia, non solo quella "potteriana", ma la magia vera che alberga nelle piccole meraviglie della Natura. La magia e l'esoterismo.

- Amo cantare, ho avuto una band per qualche tempo e ora sono ferma, perchè mi sto dedicando del tutto alla scrittura.

- Faccio l'illustratrice per mestiere e la scrittrice per vivere. Nel senso che ho bisogno della scrittura per vivere. Essa completa la mia esistenza.

- Amo i lupi, i gatti neri, i corvi, le civette. :P

- Colleziono fate, chiavi e ho più di 500 libri (di cui ne ho letto solo la metà).

- Amo l'autunno. Mi ispira e mi rimette al mondo. Adoro la pioggia, i colori avvolgenti, le foglie che cadendo dagli alberi, danzano come ballerine di fuoco. Ho reso l'idea, no? Sono matta per l'autunno. *_*

- Adoro fare dolci. Quando c'è burrasca nel mio cuore, lascio tutto e sforno muffin! :P

- Credo nelle favole e nell'impossibile.


Ora passiamo a nominare i 15 blog. Uh mamma, sarà difficile perchè me ne piacciono troppi. *_*

La piccola Bottegaia di Michela Pelillo;

Le boss dei libri di Perla Arcobaleno;

Un lettore è un sognatore  di Giovanna Ricchiuti;

Il portale dei libri di Vita Firenze;

Le parole segrete dei libri di Lettrice Segreta;


Letture sognanti di Alessia Ghezzi;

I segreti di un good reader di Antonio GoodReader;

B. among the little women di Bianca Cataldi;

Scrivere mi piace di Alessia Nolli;

Emozioni in font di Viviana Calabria;

Dragonfly Wings di Mya Rosie Stuart;

Le passioni di Brully di Miriam Rizzo;

Book Lovers I di Beatrice Luzi;

Il diario di Teresa di Teresa di Gaetano.


Ora tocca a voi! :D




























martedì 19 agosto 2014

Vincitrice del BlogTour!

Cari lettori,
anche se con un po' di ritardo e pertanto mi scuso, vi comunico il nome della vincitrice del BlogTour "Il cuore di Koral".
Stefania Mognato si aggiudica il pdf del racconto. Complimenti!


Recensione: Vita di Tara di Graham Joyce

Buongiorno lettori,
finite le vacanze, si riprende a pieno ritmo. Ed eccovi la recensione di un libro del tutto fuori dal comune!
Buona lettura. ;)

Vita di Tara 
di Graham Joyce


Editore Gargoyle
Collana Extra
Formato Brossura
Pubblicato 03/07/2014
Pagine 362
Lingua Italiano
ISBN-13 9788898172399
Traduttore B. Tavani

Graham Joyce era uno scrittore e insegnante. Con i suoi romanzi ha vinto numerosi premi, tra cui World Fantasy Award nel 2003, il British Fantasy Award (di cui è stato insignito per sei volte) e il Grand Prix de l'imaginaire. Il suo Indigo è stato inserito nell'elenco dei New York Times Notable Books. Insegnava scrittura creativa alla Nottinghm Trent University e viveva a Leicester con la moglie e i due figli.


Dopo il pranzo di Natale Peter Martin riceve una telefonata concitata dal padre che gli chiede di raggiungerlo subito perché qualcosa di sorprendente è accaduto alla loro famiglia. Al suo arrivo, Peter ritrova Tara, la sorella adolescente scomparsa misteriosamente vent'anni prima. Cosa le è accaduto? E dove è stata in questi lunghi anni? La storia di Tara ha dell'incredibile: ha conosciuto uno straniero nella foresta degli Outwoods ed è stata con lui per mesi in un... mondo parallelo. Per la sua famiglia è impossibile crederle, ovviamente, eppure il corpo di Tara non è invecchiato affatto nonostante siano passati vent'anni. L'unico che sembra essere dalla sua parte è il suo primo amore, Richie, ma un uomo misterioso la pedina tentando in tutti i modi d'impedirle di riawicinarsi a lui. Spetterà allora allo psichiatra, il dottor Underwood, scoprire quali segreti nasconde la mente di Tara e riportare così ai Martin la ragazzina che avevano perduto.



"Lui iniziò a parlare di molecole che si scontrano; mi disse che solo certi impatti sono così forti da creare un legame efficiente, e questo avviene perché solamente alcune molecole possiedono abbastanza energia al momento dello scontro per distruggere legami preesistenti e crearne di nuovi
   



Ecco un libro che conferma l'espressione "non è quello che sembra". Mi spiego. Dal principio sono stata attratta dalla splendida cover. La versione italiana devo dire, è incantevole. Mi sono soffermata a leggere i commenti - in prima e in quarta - delle varie testate giornalistiche. C’è anche un commento di King, il quale esalta libro, definendolo uno dei migliori Fantasy mai letti. Ecco. Pensavo di leggere un Fantasy. Tuttavia, tanto Fantasy non è. Vi delineo brevemente la storia, senza spoilerarvi nulla. 

Tara è una ragazza di circa sedici anni. Ha una famiglia, un fidanzato e una vita che tutto sommato, le piace. 

Un giorno, passeggiando per gli Outwoods (bosco situato al di là del paese), incontra una uomo, Hiero. E la sua vita cambia. Lo segue e scopre che Hiero fa parte di una comunità di usi davvero singolari. Il mondo che Tara scopre è ricco di magia e fascino e lì impara molte cose, ma le mancano i suoi affetti.

Scopre di non poter tornare subito indietro, ma attendere che gli astri si allineino per favorire il passaggio da quel mondo a quello reale.
Trascorrono sei mesi, allo scadere dei quali, Tara torna a casa. Ma nel mondo reale sono trascorsi venti lunghi anni. Le persone che amava sono invecchiate. Il suo fidanzato, Richie, non è più lo stesso. Lei no, è sempre bella e giovane come quando aveva sedici anni. 
Non vi dico altro, perché è giusto che lo leggiate. Non voglio farvi il riassunto del libro, ma esporvi ciò che ho pensato quando l’ho letto.
In principio arrancavo, non riuscivo a capire dove fosse la nota Fantasy tra quelle pagine. Leggevo frammenti di vita comune. Nient’altro. L’attenzione si è alzata quando alla porta dei Martin, bussa una ragazza, Tara.
Il desiderio di scoprire dove fosse stata per vent'anni, è una molla che fa saltare il lettore di pagina in pagina.
Lo stile è fresco, pulito e preciso. Joyce ha una bella penna e un’ottima capacità di suscitare impressioni. Le descrizioni sono accurate nel mondo “dall’altra parte”, tanto da sentirne odori e vederne colori. Lo sono meno nella realtà. Forse è un effetto voluto. 
I personaggi sono delineati con cura. Tutti hanno una propria personalità e vivono da sé. Quella curiosamente meno caratterizzata, mi è sembrata Tara. L’ho trovata troppo svampita all’inizio, da accettare un passaggio a cavallo da uno sconosciuto. Ma poi si rivela risoluta e sul finale, compie una scelta coraggiosa e altruista.
Il punto di vista della narrazione cambia continuamente: un po’ è Tara a narrare; un po’ Peter, il fratello; Richie, il fidanzato di un tempo; altre il narratore o lo psichiatra che prende in cura Tara, Vivian Underwood. 
Tutti ci espongono la loro versione della storia, ma quella di Tara è la più affascinante. Il Fantasy in questo libro, è racchiuso in quel villaggio adagiato sulla schiena di un lago cangiante. Lì tutti sono liberi, in ogni eccezione che il termine permette. 
L’idea è originale e ben sviluppata. apprezzatissime alcune chicche, perle di pensieri che il narratore lascia al lettore.
Nel complesso, ho apprezzato questo libro e lo consiglio. Ma non a tutti, non potrebbe ugualmente piacere a chiunque. Ha un fascino tutto suo, del tutto particolare. Lo consiglio soprattutto a chi si perde continuamente e ha voglia di ritrovarsi. La risposta è in se stessi.



Il mio voto:



giovedì 14 agosto 2014

Anima d'inchiostro vi consiglia...

Amici lettori,
oggi è 14 agosto e credo proprio che Anima d'Inchiostro si sposterà a leggere in riva al mare.
Vi saluto per qualche giorno, lasciandovi questi consigli libreschi.
Vi abbraccio,

Alessia C.



martedì 12 agosto 2014

Il mio saluto...


Cari lettori,
quest’oggi ho appreso una notizia che ha scosso l’equilibrio del mio piccolo mondo.
Accendo il pc e leggo che Robin William, l’attore che ha allietato la mia infanzia, è scivolato via dal mondo.
Motivo: probabile suicidio.
Cosa spinge un uomo ad oltrepassare i già sottilissimi confini della vita? Quanto in fondo può scavare il dolore?
Ho sinceramente pianto. Ho ricordato i suoi film e le frasi celebri che mi porterò dentro.
Ho riso fino alla lacrime per alcuni dei suoi film e ho versato lacrime, quelle vere, per altri. 
Questa mattina ho passato in rassegna alcune delle scene che preferisco. E mi sono commossa all'idea di un attore che inneggia la vita e la voglia di lottare, in contrapposizione all'idea di un uomo che smette di farlo e scivola via.
Aveva un dono e lo ha saputo trasmettere.
Personalmente ho ricevuto tanto dal suo talento, dalla sua genialità, dalla sua umanità.
Ora è davvero, al di là dei sogni…

Vorrei porgere il mio piccolo saluto, con un frammento della colonna sonora di un suo film che ho adorato: L’uomo bicentenario.
Grazie, Robin.




lunedì 11 agosto 2014

Recensione: Il sentiero delle stelle by Amy Brill

Il sentiero delle stelle
by Amy Brill



Editore Piemme

Formato Rilegato

Pubblicato 01/07/2014

Pagine 438

Lingua Italiano

Titolo Originale The Movement of Stars

Lingua Originale Inglese

ISBN-13 9788856622416

Traduttore A. Rusconi



Ha cominciato a scrivere a 14 anni con un romanzo rimasto nel cassetto, e ha continuato con articoli, saggi, racconti pubblicati su diverse riviste letterarie. Uno di questi è stato finalista al Pushcart Prize. Il sentiero delle stelle è il suo primo romanzo, che ha avuto un enorme successo negli Stati Uniti ed è in corso di traduzione in diversi Paesi.

Isola di Nantucket, 1845. "Voglio scoprire una cometa". E questo che pensa Hannah Price, mentre, come ogni notte, si arrampica sulla terrazza più alta della casa, e scruta il cielo, con il piccolo e impreciso telescopio che le ha regalato suo padre. Una cometa che porti il suo nome: che rivincita sarebbe, per lei che di giorno fa la bibliotecaria e di notte ruba al sonno qualche ora per leggere il disegno mutevole delle stelle, quelle lucine intermittenti così lontane e piene di mistero. Per lei che, come tutte le ragazze della sua età, è destinata invece a sposare un uomo che non ama, e a vedere chiudersi così tutte le possibilità che la vita potrebbe spalancarle davanti. Un giorno, però, alla sua porta bussa Isaac, un marinaio di colore proveniente dalle Isole Azzorre, che le chiede aiuto: vorrebbe imparare a leggere le stelle per orientarsi durante la navigazione. In quegli occhi scuri, così diversi dai suoi, Hannah scorge la sua stessa passione, lo stesso desiderio di superare i confini della propria condizione attraverso la conoscenza. Lentamente, durante le lunghe notti trascorse a osservare il cielo, Hannah e Isaac vedranno germogliare l'amicizia e, poi, l'amore che sconvolgerà per sempre le loro vite.


Ho scoperto questo romanzo, attraverso la newsletter Piemme. Inoltre, vedevo spesso il post della segnalazione su facebook e così ho deciso di leggerlo.
Come quasi sempre accade, ho fiuto per i libri. E questo è un bel libro.
Non ho particolarmente apprezzato la cover. Avrei preferito qualcosa più in linea con l’epoca del libro, o non so, semplicemente diversa.
L’inizio è lento e potrebbe scoraggiare la lettura, ma superate le trenta pagine, diventa scorrevole e limpido, come una cintura di stelle in una notte d’agosto. Passatemi la metafora, ma qui è di stelle che si parla. Stelle e amore. Certo, alcuni periodi possono risultare prolissi e apparentemente inutili, come quelli in cui la protagonista declama dettagliate descrizioni sulle stelle che scorge.
In generale, mi è molto piaciuto, a partire dall’idea, poi dallo stile e dalla cura per le descrizioni.
Il romanzo prende spunto da un personaggio femminile che ha compiuto un’importante rivoluzione nel mondo delle donne: l’astronoma del Massachusets,  Maria Mitchell.
È stata la prima donna a scoprire una cometa e ringraziamo Amy Brill per aver avuto la brillante idea di improntare un romanzo su una figura femminile così affascinante.
La protagonista di questo libro, si chiama Hannah Price, una giovane donna che decide di intraprendere la stessa strada percorsa dal padre, quella dell’astrologia.
Hannah ha un vero e proprio dono: legge le stelle, le riconosce, le ama.
Hannah ama il suo lavoro, dimenticando spesso di essere una donna. Pensa di poter allontanare per sempre l’amore dalla sua vita, ma scopre quanto sia difficile.
Ho apprezzato questo libro perché mette in luce la donna, in un’epoca come il 1845, in cui essa veniva relegata a ruoli secondari e del tutto marginali.
Amo i libri in cui si respirano atmosfere suggestive e si incontrano donne forti, indipendenti, coraggiose. Come Hannah. Donne che lottano contro l’opinione comune e difendono i propri diritti.
Lo consiglio vivamente, soprattutto alle donne.

Chi è Maria Mitchell?


Maria Mitchell nacque il 1º agosto 1818, a Nantucket, nel Massachusetts, ed era cugina di quinto grado di Benjamin Franklin. Aveva nove fratelli e sorelle. I suoi genitori, William Mitchell e Lydia Coleman Mitchell, erano quaccheri. Maria Mitchell nacque in una comunità insolita per l'epoca in materia di parità per le donne. I suoi genitori, come gli altri quaccheri, ritenevano importante l'educazione e insistettero per darle la stessa qualità di istruzione che ricevevano i ragazzi. La religione quacchera insegnava, tra le altre cose, l'uguaglianza intellettuale tra i sessi. Inoltre, l'importanza di Nantucket come porto per la caccia alle balene faceva sì che le mogli dei marinai erano lasciate per mesi e talvolta anni a gestire gli affari, mentre i loro mariti erano in mare, favorendo così un clima di relativa indipendenza e di uguaglianza per le donne che gestivano la casa sull'isola. Nonostante questo alle donne di Nantucket tra le altre cose mancava ancora il diritto di proprietà e di voto.

Dopo aver frequentato la scuola Elizabeth Gardener negli anni della sua infanzia, Maria frequentò la North Grammar school, dove William Mitchell è stato il primo preside. Due anni dopo la fondazione di quella scuola, quando Maria aveva undici anni, suo padre costruì una sua scuola in Howard Street. Lì era studentessa e anche assistente didattica di suo padre.
A casa, il padre di Maria le insegnò l'astronomia con il suo telescopio personale
All'età di dodici anni e mezzo, aiutò il padre nel calcolare il momento esatto di un eclissi anulare.
La scuola di suo padre chiuse, e in seguito frequentò la scuola per giovani donne del ministro unitariano Cyrus Peirce. In seguito lavorò per Peirce come sua assistente all'insegnamento, prima di aprire una sua scuola nel 1835. Un anno dopo le fu offerto un impiego come primo bibliotecario dell'Atheneum di Nantucket dove rimase per diciotto anni.
Usando un telescopio, scoprì la "Miss Mitchell Comet" (Comet 1847 VI, la designazione moderna è C/1847 T1) nell'autunno del 1847. Alcuni anni prima, il re Federico VI di Danimarca aveva stabilito di premiare con una medaglia d'oro ogni scopritore di una "cometa telescopica" (troppo debole per essere vista ad occhio nudo).
Il premio doveva essere assegnato al "primo scopritore" di una cometa di questo tipo (si noti che le comete sono spesso scoperte indipendentemente da più di una persona). Ha debitamente vinto uno di questi premi, e questo le diede fama mondiale, poiché l'unica donna prima di lei a scoprire una cometa era stata Caroline Lucretia Herschel.
Ci fu un temporaneo problema di priorità, perché Francesco de Vico aveva scoperto indipendentemente la stessa cometa due giorni dopo, ma l'aveva segnalato prima, ma il tutto si risolse a favore della Mitchell. Il premio venne assegnato nel 1848 dal nuovo re Federico VII.
Divenne la prima donna membro dell'American Academy of Arts and Sciences nel 1848 e della American Association for the Advancement of Science nel 1850. In seguito lavorò presso l'U.S. Nautical Almanac Office calcolando le tabelle di posizioni di Venere e viaggiò in Europa con Nathaniel Hawthorne e la sua famiglia.
Divenne professore di astronomia al Vassar College nel 1865, la prima persona (maschio o femmina), nominata in quella facoltà. Venne anche nominata Direttrice del Vassar College Observatory. Dopo aver insegnato per qualche tempo, seppe che, nonostante la sua reputazione ed esperienza, il suo stipendio era inferiore a quello di molti professori più giovani di sesso maschile. Insistette per avere un aumento di stipendio e l'ottenne.
Nel 1842 lasciò la fede quacchera per seguire i principi dell'Unitarianismo. In segno di protesta contro la schiavitù, smise di indossare abiti di cotone. Era amica di varie suffragette come Elizabeth Cady Stanton ed è stata cofondatrice dell'American Association for the Advancement of Women. Fu la prima donna eletta alla American Academy of Arts and Sciences e una delle prime donne elette alla American Philosophical Society (1869, contemporaneamente a Mary Fairfax Somerville e Elizabeth Cabot Carey Agassiz).


Fonte: Wikipedia*

Il mio voto: